Pagine

lunedì 11 aprile 2011

Lo studente

 Domenica Martin e James hanno montato il nuovo tavolo di James. Gli serviva una postazione da lavoro in camera, dal momento che fino ad ora ha scritto e disegnato per terra. Il tavolo è da finire, nel senso che il legno è da trattare. Vorrei farlo diventare color ciliegio, così andrebbe bene sia con la sedia di James che con il letto. Ho portato su la sua sedia perchè abbia una posizione corretta mentre lavora, ma ha brontolato molto a tavola in questi due giorni su una sedia "normale": in effetti, ora che ci penso, James ha usato questa Stokke dall'età di sei mesi- prima con la barriera tipo seggiolone- e continuerà a farlo ancora per un bel po'. Uno dei pochi acquisto validi nel tempo della mia vita!!!
 Per ora il tavolo ha una "tovaglietta" fatta da due iarde di tessuto che avevo acquistato per uno dei miei progetti futuri, in modo da non macchiare la superficie.
 James mi fa un  po' impressione in versione bambino grande- e quel che verrà!
Sempre domenica, abbiamo collocato in un posto tranquillo in giardino la nostra mangiatoia, con tanti semi per uccelli canori. Ne abbiamo già visti becchettare e gironzolare nei dintorni(bluejay e robin) ma dobbiamo tenere d'occhio gli scoiattoli perchè non riescano a salire e gozzovigliare. oggi ce n'era uno che studiava la situazione, ma apparentemente non è riuscito nell'intento. Era già grassottello a sufficienza...

4 commenti:

Ufficio XII ha detto...

sai che ci pensavo proprio un pò di tempo fa?che la stokke ci uscirà dagli occhi!cque noi la terremo per mangiare in cucina poi ce ne vorrà un'altra, di sedie, per i compiti e lo studio...crescono così in fretta...Maggie sta letteralmente fiorendo:)ieri ginnastica alla Capriola con capriole salti e via dicendo una ragazza....molto graziosa la mangiatoia!sembra davvero come i Babybugs che mi hai regalato!

Sandra ha detto...

Mamma mia quanto è grande!!
Per la stokke sono assolutamente concorde: Filippo ha il seggiolone , che pi diventerà sedia. Già suo papà ha la sedia della scrivania (sai una di quelle che permettono lo scarico del peso sulle gionocchia ) ed è un sostenitore di queste "sedute".

Francesca ha detto...

Per Chiara: brava Margherita che si impegna tanto nelle cose che fa, anche James è mihliorato in questo, ma abbiamo ancora parecchia strada...sai che anche oggi c'erano diversi uccellini a mangiare? Il mangime nel tubo è sceso un po' di livello!

Francesca ha detto...

Per Sandra: anche io sono una gran sostenitrice delle sedute ergonomiche. A Modena ne avevamo due in casa dei miei genitori, una tipo sgabello (deve essere Variable Balans o qualcosa di simile) e l'altra, quella che usavo io nello studio era una Thatsit (o simile). Ma era uno dei primi modelli che arrivavano in Italia e non era sfoderabile quindi in estate sulla lana azurra mettevo degli asciugamani, altrimenti le povere ginocchia e la schiena facevano i beghi. Comunque, sono sedie da consigliare anche se quelle per adulti hanno prezzi decisamente proibitivi. Per i bimbi invece mi sembra davvero un buon investimento, considerando le vagonate di soldi che si spendono in ninnoli, giocattoli e vestitini...